Il Regno Unito ha pagato 315 milioni alla Francia per bloccare i migranti a Calais

The Submarine, 14 February 2020 - Nonostante l’uscita dall’Unione Europea, il Regno Unito continua a mantenere un accordo di contenimento dell’immigrazione con la Francia. Stando a un report pubblicato dall’organizzazione di carità Care4Calais lo scorso 5 febbraio, la Brexit è coincisa inoltre con un maggior rispetto di questo patto: tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio le autorità francesi hanno iniziato a sgomberare i centri di rifugio di Calais, nel Nord della Francia, in un’azione di sempre più intensa repressione, mentre il Regno Unito ha cominciato a utilizzare i droni per individuare le navi di migranti in direzione inglese e poterle fermare prima che queste riescano a raggiungere la costa. [...]

 Il report sottolinea inoltre un aumento della violenza negli accampamenti di Calais da parte della polizia francese. Per quanto riguarda Calais la linea del Regno Unito è identica a quella adottata dall’Unione Europea nei confronti dei Paesi africani, “ovvero pagare le altre nazioni per fermare i migranti prima che possano raggiungere il confine,” ha affermato Mark Akkerman di Stop Wapenhandel. [...]